Direttiva UE PSD2 sui servizi di pagamento: nota Ifel su rapporto tra comuni e tesorieri

  • Comune:
  • Provincia:
  • Codice ISTAT:
  • Abitanti:
  • Superficie:
  • Densità:
  • Altitudine:
  • Sindaco:
  • Sito web:
La direttiva sui servizi di pagamento 20158/2366/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 (PSD2), recepita dal d.lgs. n. 218/2017, definisce un insieme di norme che si applicano ai prestatori di servizi di pagamento e ai loro utenti per garantire maggiore efficienza, nonché maggiori possibilità di scelta e di requisiti di trasparenza nell’offerta dei servizi di pagamento. Dal 1° gennaio 2019, anche le pubbliche amministrazioni applicano le nuove norme e, al riguardo, il MEF ha emanato la Circolare n. 22/2018 con cui fornisce chiarimenti agli Enti che si avvalgono di un servizio di tesoreria o di cassa affidato ad una banca o a Poste italiane S.p.A.. Il processo di adeguamento delle convenzioni di tesoreria è in ritardo, mentre pervengono dai comuni segnali di incertezza a fronte di richieste di modifica contrattuale diversificate o poco argomentate da parte dei tesorieri.
Proprio per dare risposta ai numerosi interrogativi sull’adeguamento alla Direttiva PSD2 dei rapporti fra Comuni e soggetti affidatari del servizio di Tesoreria, l’Ifel ha diffuso una nota dedicata alle nuove previsioni comunitarie, armonizzate per le pubbliche amministrazioni dalla Circolare ministeriale.
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

COMMENTS