Patto dei Comuni per la parità di genere e contro la violenza – 8 marzo

  • Comune:
  • Provincia:
  • Codice ISTAT:
  • Abitanti:
  • Superficie:
  • Densità:
  • Altitudine:
  • Sindaco:
  • Sito web:
‘L’unione fa la forza’ e quando si parla di parità di genere e violenza contro le donne questo motto è ancora più forte e sentito. Questo l’obiettivo  del “Patto dei Comuni per la parità di genere e contro la violenza” presentato oggi a Milano, nell’ambito della giornata inaugurale di Tempo di Libri, presso la Fiera Milano City (Sala Brown) di viale Scarampo 20. (leggi il programma)
Un documento frutto della volontà di sindache e sindaci uniti  da un impegno comune: ideare e sostenere azioni concrete basate sull’eguaglianza e la valorizzazione delle differenze per una società più equa, priva di stereotipi di genere e realmente paritaria.
“Nel siglare il Patto – afferma il presidente dell’Anci Antonio Decaro – noi sindaci e sindache siamo consapevoli che scardinare modelli culturali che limitano ancora le possibilità di scelta e gli spazi di rappresentanza e partecipazione delle donne alla vita del Paese è un obiettivo necessario, ma non sufficiente. Noi amministratori accettiamo la sfida più grande: la lotta, senza se e senza ma, alla violenza contro le donne e lo faremo coinvolgendo le nostre Comunità  in un nuovo patto tra generi, giusto e rispettoso della ricchezza di ogni differenza”
Il Patto si articola in undici punti che vanno dalla sensibilizzazione contro la diffusione di stereotipi, al sostegno dei centri antiviolenza e case rifugio, al coinvolgimento degli uomini in tema di parità, alle azioni di supporto per la conciliazione dei tempi famiglia-lavoro. Azioni che verranno condivise tra le istituzioni e le organizzazioni della società civile impegnate sul tema e che annualmente le amministrazioni aderenti si impegnano a restituire ai propri cittadini.
Aderiscono al Patto i 12 sindaci delle Città metropolitane di Milano, Torino, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Messina, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma e inoltre i sindaci di Padova e Varese, in seguito l’iniziativa sarà estesa al maggior numero di Comuni italiani.
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

COMMENTS