Possibilità per le pubbliche amministrazioni di richiedere anche prestazioni a titolo gratuito: condizioni

  • Comune:
  • Provincia:
  • Codice ISTAT:
  • Abitanti:
  • Superficie:
  • Densità:
  • Altitudine:
  • Sindaco:
  • Sito web:
Consiglio di Stato, Sez. IV, 9/11/2021 n. 7442. La quarta sezione del Consiglio di Stato, con la sentenza 7442/2021, ha affrontato il tema delle condizioni che consentono alle pubbliche amministrazioni di richiedere anche prestazioni a titolo gratuite. Nel quadro costituzionale ed eurounitario vigente, spiegano i giudici di Palazzo Spada, la prestazione lavorativa a titolo gratuito è lecita e possibile e che il ‘ritorno’ per chi la presta può consistere anche in un vantaggio indiretto (arricchimento curriculare, fama, prestigio, pubblicità), la funzione amministrativa, da svolgere nel rispetto dei principi costituzionali di imparzialità e buon andamento, non può non incentrare la sua concreta azione sui cardini della prevedibilità, certezza, adeguatezza, conoscibilità, oggettività ed imparzialità dei criteri di formazione dell’elenco al quale attingere e di affidamento degli incarichi. La tenuta costituzionale del sistema basato sulle richieste di prestazioni gratuite da parte delle Pubbliche Amministrazioni si può ammettere solo se è previamente previsto un meccanismo procedimentale che dia idonee garanzie circa il fatto che la concreta azione amministrativa sia ispirata a criteri, canoni e regole di assoluta imparzialità nella selezione e nella scelta dei professionisti, di modo che in questo ‘nuovo mercato’ delle libere professioni nessuno abbia ad avvantaggiarsi a discapito di altri.
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

COMMENTS