Riparto del fondo 3,5 miliardi a sostegno delle funzioni fondamentali degli enti locali

  • Comune:
  • Provincia:
  • Codice ISTAT:
  • Abitanti:
  • Superficie:
  • Densità:
  • Altitudine:
  • Sindaco:
  • Sito web:

Pubblichiamo il dettaglio del contributo di 3,5 miliardi di euro attribuito a Comuni, Unioni di comuni e Comunità montane, in particolare la quota dei comuni abruzzesi, a compensazione delle perdite sulle entrati correnti proprie, secondo quanto previsto dall’articolo 106 del decreto legge n. 34 del 2020. 

Con decreto 24 luglio 2020, Il Ministero dell’Interno ha pubblicato il riparto del fondo “3,5 mld.” per il ristoro delle perdite di gettito dei Comuni, delle Città metropolitane e delle Province e per l’esercizio delle rispettive funzioni fondamentali. Il riparto è definito sulla base della nota metodologica approvata dalla conferenza Stato-Città del 15 luglio scorso, pubblicata con decreto 16 luglio 2020 del Ministero dell’Interno. Le risorse del fondo sono previste dall’articolo 106 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77.

I mandati di pagamento in favore degli enti beneficiari sono in corso di emissione, al netto delle somme già erogate a titolo di acconto.

Si precisa che le perdite di gettito sono state stimate escludendo, in questa fase, le entrate relative all’imposta di soggiorno, dal momento che è intenzione del Governo ristorare queste specifiche perdite con ulteriori ed apposite risorse che saranno stanziate in un prossimo provvedimento, ad integrazione del ristoro parziale disposto dall’articolo 180 del decreto-legge n. 34 del 2020. Si sottolinea inoltre che le Unioni di comuni e le Comunità montane, che registrano nel 2019 entrate proprie, sono ricomprese tra gli enti del comparto comunale destinatari dell’assegnazione ex articolo 106. Si tratta di un’opportuna decisione del Tavolo di confronto, che rimedia alla mancata esplicita menzione di tali Enti nel testo dell’articolo 106.

In allegato:

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

COMMENTS