Seguici su:
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Opere Pubbliche “Fase 2”: semplificazione, efficienza o poteri speciali? – Talk on web, 12 maggio 2020 ore 12:00

In questo primo appuntamento con i Talk on web, amministrazioni locali, ANAC e imprese si confrontano sul tema delle procedure per fare investimenti: è più importante la semplificazione delle regole o adoperarsi per avere organizzazioni più efficienti che le applicano?

Talk on web
Opere Pubbliche “Fase 2”:
semplificazione, efficienza o poteri speciali?

Martedì 12 maggio 2020
Ore 12:00-13:30

Per partecipare è necessario ISCRIVERSI QUI

PROGRAMMA

  • Coordina: Tommaso DAL BOSCO Osservatorio Investimenti Fondazione IFEL
  • Introduzione: Pierciro GALEONE Direttore Fondazione IFEL
  • Primo round: Interventi
    • Edoardo BIANCHI Vicepresidente ANCE delegato alle opere pubbliche
    • Francesco MERLONI Presidente ANAC
    • Mario OCCHIUTO Sindaco di Cosenza e Presidente Fondazione Patrimonio Comune ANCI
    • Alfredo STORTO Capo Ufficio legislativo del Ministro per la Pubblica amministrazione
  • Secondo round: Q&A
    • Risposte alle domande inviate via chat dai partecipanti
  • Conclusioni
    • Guido CASTELLI Presidente Fondazione IFEL

IL TEMA

La domanda di semplificazione in tema di procedure per la realizzazione di opere pubbliche, non è certo una novità. Tuttavia, l’attesa e le preoccupazioni per una ripresa degli investimenti nella “Fase 2”, quando progressivamente si ridurranno le restrizioni dovute all’attuale emergenza sanitaria, ce la ripropongono con forza.

Purtroppo, come è noto, gli innumerevoli proclami di semplificazione hanno quasi sempre prodotto superfetazioni normative e, spesso, quandanche ispirati a una logica migliorativa, hanno finito per determinare quella instabilità di per sé negativa perché spiazzante poiché obbliga ogni volta tutte le parti a un continuo adattamento delle procedure.

Il problema di definire un quadro di semplificazione in grado di soddisfare i requisiti per il buon funzionamento del mercato e, al tempo stesso, anche le sacrosante ragioni di efficienza e rapidità dei processi sembra prefigurare una sorta di “dualismo oppositivo” tra interessi contrastanti: da un lato chi ritiene il ridondante sistema procedurale un male necessario a garantire trasparenza e contendibilità, dall’altro chi li ritiene inutili orpelli inadatti a garantire efficienza e produttività degli investimenti.

Ai due ordini di interessi corrispondono soluzioni opposte: da un lato l’efficientamento dei processi, dall’altro l’attribuzione di poteri speciali. Dobbiamo per forza rinunciare a qualcosa su un fronte o sull’altro o accanirci a trovare la soluzione “perfetta”?


COME PARTECIPARE

La partecipazione è gratuita. Per poter partecipare è necessario iscriversi compilando il form disponibile a questo link: ISCRIVITI.
ATTENZIONE: per partecipare è necessario disporre di una connessione internet a banda larga e di cuffie o casse. Per verificare che il proprio computer sia correttamente configurato per il collegamento alla piattaforma di video-conferenza, prima del webinar è necessario eseguire un rapido test di connessione.